Una conversazione con l'Onorevole Sir David Lidington KCB CBE

Il 14 luglio 2021, San Marino Think Tank & Esharelife Think Tank hanno organizzato un webinar con Rt Hon Sir David Lidington KCB CBE, dedicato alle sfide della promozione della democrazia e dei suoi valori nel nostro mondo contemporaneo visto attraverso le lenti della sicurezza. 

Rt Hon Sir David Lidington è un politico esperto, ex membro del parlamento britannico e presidente del Royal United Services Institute (RUSI), che è il principale e più antico think tank britannico in materia di sicurezza e difesa.

Il Sig. Lidington ha condiviso la sua vasta esperienza nel campo della sicurezza e ha affermato chiaramente che, nel mondo di oggi, non esiste una linea di demarcazione netta tra sicurezza interna e sicurezza internazionale. Questa, ha sostenuto, è una delle conseguenze di internet e dei social media, che sono ora utilizzati come un mezzo per "istruire e radicalizzare potenziali estremisti e terroristi e per organizzare operazioni del crimine organizzato", così come una fonte di propaganda, un vettore di frode molto ampio per gli individui, e il mezzo attraverso il quale gli attacchi informatici possono essere diretti. 

Ha poi continuato a parlare delle minacce militari internazionali, e di come le tattiche sovversive e la guerra di propaganda informativa fortunatamente non hanno avuto successo nelle democrazie occidentali di lunga data. Tuttavia, il pericolo maggiore per le democrazie, come identificato dalla revisione integrata del governo britannico, è la determinazione dei regimi autoritari a raggiungere il dominio in tutte le tecnologie chiave del 21° secolo. In effetti, il rischio è che le democrazie si troveranno nell'impossibilità di contare sul fatto che qualsiasi fornitore sia in grado di fornire ciò di cui hanno bisogno in termini tecnologici, senza aver bisogno del kit di know-how dei regimi autoritari. Per questo motivo, il Sig. Lidington ha sottolineato l'importanza per le democrazie di "darsi da fare, e velocemente", rinnovando le proprie capacità di innovare, sperimentare e sviluppare una propria base tecnologica. 

Infine, ha evidenziato la necessità di migliorare la resilienza delle democrazie, al fine di rispondere adeguatamente ai cyberattacchi che cercano di abbattere le infrastrutture critiche. Queste devono includere catene di approvvigionamento, reti, sistemi informatici, e non solo le strutture fisiche. 

Il dottor Bragagni, moderatore del webinar, ha sollevato alcune domande provocatorie sulle sfide poste dai paesi autoritari alle democrazie occidentali. Infatti, ci sono prove di molti tentativi di interferire con le elezioni di democrazie di lunga data, che vengono abilmente coperti come sforzi legittimi. Il Sig. Lidington ha sottolineato l'importanza di sostenere la probità e la reputazione del sistema democratico, come una forma di infrastruttura nazionale critica, che è ora ciò che il governo britannico sta cercando di ottenere. Ha anche sottolineato che un modello di società pluralista e liberale, che le democrazie cercano di incarnare, è ancora molto attraente per la maggior parte delle persone nel mondo, specialmente per i rifugiati che cercano un nuovo inizio. 

Ha poi avuto luogo uno stimolante scambio di domande e risposte, dove i partecipanti hanno potuto porre le loro domande al Sig. Lidington. il quale ha spiegato brevemente il suo punto di vista sulla politica, secondo il quale gran parte di essa comporta un compromesso. Infatti, lo scopo principale di un politico è quello di raggiungere il proprio obiettivo, e quindi la maggior parte dei suoi sforzi riguarda la tattica e la praticità. Per questo motivo, ha sottolineato l'importanza di collegare l'elaborazione delle politiche all'attuazione e allo stanziamento di denaro, e la necessità di utilizzare il soft power, definito anche come "smart power", tra le democrazie e all'interno di esse, per promuovere gli interessi nazionali e proteggere questa forma di governo. 

Sir Lidington ha concluso rispondendo alla domanda su cosa significhi per lui la democrazia. Egli ha affermato che la risposta è sicuramente l'afffermazione dello stato di diritto. La storia del 20° e dell'inizio del 21° secolo dimostra che non basta creare istituzioni democratiche, parlamenti eletti e presidenti eletti per creare la democrazia. Se non ci sono tribunali indipendenti, gestiti da giudici vigorosamente indipendenti e senza paura, e un governo e una cultura politica che accettano che tutti siano soggetti allo stato di diritto, è impossibile sostenere ciò che pensiamo come una società democratica. Quindi, sono lo stato di diritto, le istituzioni democratiche e il riconoscimento dei diritti umani fondati sul senso della dignità e dell'autonomia di ogni individuo che forniscono un quadro istituzionale e ideologico all'interno del quale la democrazia può essere generata. 

it_IT