Le Istituzioni della Repubblica di San Marino

La Repubblica di San Marino è il terzo stato più piccolo d'Europa (dopo la Santa Sede e Monaco) e la più antica Repubblica del mondo. Le sue istituzioni, sopravvissute nei secoli, sono distinte e autonome.

Le loro Eccellenze i Reggenti

L'Istituto della Reggenza della Repubblica di San Marino è molto antico, e quasi certamente è iniziato nel periodo comunale. La prima volta che sentiamo parlare di due Reggenti sammarinesi (Filippo da Sterpeto e Oddone Scarito) è su un documento del 12 dicembre 1243, anche se all'epoca non erano conosciuti come Reggenti, ma come consules, cioè consoli, come gli antichi magistrati romani.

Nella seconda metà del XIII secolo compaiono altre tracce di Reggenti. Come ora, rimasero in carica per sei mesi. Alla fine del secolo, cambiarono il nome, diventando uno Capitano e l'altro Difensore, mantenendo sempre le loro caratteristiche precedenti.

Nel corso degli anni, gli fu dato il titolo di Capitani Reggenti, che ancora oggi hanno, preceduto da "Loro Eccellenze". I Reggenti sono sempre stati nominati dall'interno del Consiglio Grande e Generale, anche se nel corso dei secoli sono stati concepiti diversi sistemi per la loro nomina.

Fin dallo statuto di fine anno 1200, il loro mandato è stato di sei mesi. Nel corso dei secoli, in rare occasioni, questo periodo è stato prolungato, anche se il fatto è che a San Marino si è sempre evitato il pericolo di lasciare uno o più individui come capi di Stato per troppo tempo, per evitare il rischio che chiunque eserciti un potere tale da soffocare il potere congiunto del Consiglio.

I Reggenti sono nominati ogni sei mesi dal Consiglio Grande e Generale e le due persone sono elette con la maggioranza assoluta dei voti. Essendo membri di partiti politici, sono generalmente eletti tra i partiti che formano la coalizione di governo, o comunque sulla base dei suggerimenti dei partiti che siedono nel Consiglio.

La cerimonia, detta "di ingresso", si svolge il 1° aprile e il 1° ottobre di ogni anno con celebrazioni civili e religiose. Quando, in passato, non esistevano partiti politici (le sessioni parlamentari iniziarono a San Marino solo nel 1906), i Reggenti venivano eletti in base alla classe sociale a cui appartenevano, perché il Consiglio era composto da 20 nobili, 20 proprietari terrieri (cioè che vivevano su o ai piedi della montagna), e 20 abitanti dei comuni (insediamenti rurali).

Oggi i due Capitani Reggenti esercitano congiuntamente le funzioni di Capi di Stato e di Governo, anche se a volte simbolicamente, in tutte le istituzioni dello Stato, e rappresentano il complesso potere costituzionale. Tra i poteri dell'istituzione vi sono: promulgare leggi, dirigere e coordinare le procedure che precedono la formazione del Governo (cioè il Congresso di Stato), presiedere i principali organi (Consiglio Grande e Generale, Congresso di Stato, Consiglio del XII).

I Reggenti rappresentano un organo "super partes" che garantisce la costituzione. Tra i loro compiti vi sono, nei momenti di crisi o di assenza del governo, il dialogo con i partiti politici per determinare la possibilità di formare una nuova coalizione di governo, o la convocazione di riunioni politiche. Inoltre, in caso di necessità o di urgenza, hanno il potere di approvare leggi attraverso decreti di Reggenza, anche se tali decreti devono essere ratificati entro tre mesi dal Consiglio Grande e Generale. Infine, sono l'unico organo responsabile della promulgazione delle leggi (potere esecutivo), con la conseguente possibilità di esercitare una sorta di controllo formale sul lavoro svolto dal Consiglio.

San Marino Regents

Il Consiglio Grande e Generale

Il Consiglio Grande e Generale può essere considerato il "Parlamento sammarinese", è citato in documenti del XIII secolo; in quel periodo quasi certamente condivideva il potere e il controllo della piccola comunità sammarinese con altri organi politici come l' l'Arengo e il Consiglio dei XII , composto da sessanta membri.

Nel corso dei secoli il Consiglio fu l'autorità più potente del Paese, tanto che gli statuti del XVII secolo lo chiamano "il principe supremo, assoluto e unico" dello Stato

Fino al XVII secolo, era l'Arengo (cioè l'assemblea dei capi famiglia sammarinesi) ad eleggere periodicamente i consiglieri, ma lo statuto del XVII secolo stabiliva che il Consiglio nominasse direttamente i suoi nuovi membri per cooptazione.

Questa regola portò alla graduale instaurazione di un governo oligarchico nelle mani delle principali famiglie sammarinesi, un sistema che durò fino al 25 marzo 1906 quando, dopo anni di dispute e richieste di ripristino di un sistema conciliare elettivo, a richiesta popolare, fu convocato l'Arengo dei capifamiglia (dopo essere stato accantonato per oltre tre secoli) per decidere se lasciare la situazione così com'era o renderla più democratica. La maggioranza ha optato per elezioni periodiche, e da quell'anno il Consiglio è stato rinnovato dai cittadini ogni tre anni, e poi ogni cinque.

In passato il Consiglio era composto da venti membri di tutte le classi sociali sammarinesi (nobili, cittadini, connazionali), mentre oggi è formato da rappresentanti scelti tra il corpo elettorale su proposta dei diversi partiti politici locali, durante la campagna elettorale che si svolge normalmente ogni cinque anni.

Dopo che la popolazione ha espresso il proprio voto e nominato i 60 membri, il Consiglio entra in carica e dà vita ad un nuovo organo legislativo. Il Consiglio si riunisce periodicamente per esaminare e discutere i punti all'ordine del giorno, cioè una serie di punti di vario genere relativi alla gestione dello Stato. È presieduto dalla Reggenza, con l'assistenza dell' Ufficio di Presidenza, che è un organo politico composto da vari consiglieri con il compito di redigere l'ordine del giorno e di curare l'organizzazione della riunione prima e durante il suo svolgimento.

La sua funzione fondamentale è legislativa perché è l'organo che redige e approva tutte le leggi dello Stato. Un'altra delle sue funzioni primarie è quella politico-amministrativa; infatti, il Consiglio determina la costituzione del governo dopo averne approvato il programma politico e vigila affinché esso governi sempre nel rispetto delle leggi. Il Consiglio nomina inoltre i Reggenti, i magistrati, i rappresentanti diplomatici e tutti i membri con incarichi politici o che occupano posizioni di grande responsabilità all "interno dello Stato sammarinese.
Ha anche il compito di approvare il bilancio preventivo annuale dello Stato.

Sono necessari requisiti specifici per essere nominato Consigliere: ad esempio, avere 21 anni o più, essere domiciliato nella Repubblica, avere un casellario giudiziario immacolato, non essere magistrato, non appartenere ad alcun corpo militare.

San Marino Parliament Interior

Il Congresso di Stato

Il Congresso di Stato, coordinato dai Capitani Reggenti, esercita il potere di governo secondo i principi di collettività e responsabilità. Questo organo statale è stato istituito per legge il 15 maggio 1945. La legge costituzionale 15 dicembre 2005, n. 183, ne indica e ne regola i poteri, mentre la legge 15 dicembre 2005, n. 184 ne regola l'organizzazione e il funzionamento, individuando i requisiti di eleggibilità, le modalità di nomina, l'incompatibilità e la decadenza dei suoi membri. La legge n.184/2005 disciplina anche la normale amministrazione.

Il Congresso è composto da 10 Segretari di Stato responsabili dei vari dipartimenti della pubblica amministrazione. I membri del Congresso di Stato sono nominati dal Consiglio Grande e Generale, di norma tra i suoi membri.

A partire dalla 26a legislatura è stata prevista la possibilità di nominare, con il voto della maggioranza dei due terzi dei membri del Consiglio Grande e Generale, i Segretari di Stato che non devono rappresentare più di un terzo dei membri del Congresso di Stato e possono essere anche non membri del Consiglio Grande e Generale, purché abbiano i requisiti necessari per essere eletti Consiglieri. Dopo aver prestato giuramento, il Congresso di Stato diventa pienamente operativo.

Il mandato di un Segretario di Stato non può superare i 10 anni consecutivi e, prima di ogni successiva nomina, devono essere trascorsi almeno cinque anni dalla fine del precedente. La delega del potere ai singoli Segretari è flessibile. L'organo cessa di operare se la maggioranza dei membri si dimette o se il Consiglio delibera la revoca delle nomine di tutti i membri.

Il Congresso è infatti politicamente responsabile nei confronti del Consiglio Grande e Generale. La cessazione del Congresso non implica elezioni anticipate. Il Congresso è presieduto dai due Capitani Reggenti, che non hanno diritto di voto, ma semplicemente coordinano, dirigono e sollecitano i lavori e rappresentano un collegamento con l'organo legislativo.

Consiglio dei XII

Il Concilio dei XII è una caratteristica peculiare dell'ordinamento giuridico sammarinese, che risale al periodo comunale, quando esercitava poteri politici e di governo molto importanti.

Con gli statuti del XVII secolo, questi poteri erano limitati e più precisamente definiti, anche se rimaneva ancora un po' di confusione sul ruolo istituzionale del Consiglio. Nel 1921 e nel '23 furono approvate leggi che indicavano che doveva essere considerato un organo giudiziario e di giustizia amministrativa, con autorità in questi ambiti. Esso rappresenta tuttavia un'istituzione del tutto originale all'interno della forma di governo sammarinese, tanto che la sua natura giuridica è difficile da definire, considerando anche che, fino a poco tempo fa, aveva autorità sia esecutiva che giuridica; da allora è stato privato di quest'ultima.

Prima dell'istituzione del Collegio dei Garanti di Costituzionalità, era il Consiglio dei XII a prendere le decisioni relative ai ricorsi civili di terzo grado; (ogni volta che una sentenza di secondo grado modificava una sentenza di primo grado, anche parzialmente, il Consiglio dei XII, di norma con l'ausilio di un esperto nominato dal Consiglio stesso, era responsabile della conferma della prima o della seconda sentenza).

Per quanto riguarda l'ambito amministrativo, esso autorizza, ad esempio, l'acquisto da parte di stranieri di beni immobili o di altri diritti reali relativi a beni situati all'interno della Repubblica, autorizza l'acquisto di beni immobili da parte di società o altri enti, delibera in relazione alle domande di assistenza legale.

Consiglio dei XII è eletto dal Consiglio Grande e Generale all'inizio di ogni legislatura, e deve essere necessariamente composto da dodici membri. Non vi sono incompatibilità esplicite, anche se per consuetudine i membri del Consiglio di Stato non vengono normalmente eletti. È presieduto dai Capitani Reggenti, che hanno diritto di voto solo se sono membri del Consiglio stesso.

La Costituzionalità del Consiglio di Garanzia delle Disposizioni

Istituito dalla legge costituzionale 26 febbraio 2002, n. 36 e successivamente disciplinato dalla legge 25 aprile 2003, n. 55, ha una funzione sostanzialmente duplice, di natura costituzionale e giurisdizionale. Parte della prima è il Sindacato di Legittimità Costituzionale delle Disposizioni, da esercitare in via incidentale e diretta, il Sindacato di Reggenza, il Giudizio di Accettabilità dei Referendum e la Decisione sui Conflitti tra Enti Costituzionali.

Di queste ultime fanno parte invece le funzioni giurisdizionali del Collegio dei Garanti: la sentenza sui conflitti di giurisdizione, la sentenza sull'astensione e l'obiezione dei Magistrati, la sentenza di terzo appello in sede amministrativa e civile, con funzione attribuita al Giudice per il terzo appello, e la decisione sulle istanze di revisione delle sentenze penali attribuite al Giudice per i rimedi straordinari che è anche responsabile delle sentenze sui rimedi di Querela Nullitatis.

Un membro del Collegio dei Garanti è competente a decidere nell'ultima istanza anche in merito ai ricorsi presentati nei procedimenti penali e sulla legittimità delle disposizioni cautelari reali e personali adottate nel corso del giudizio o dell'esecuzione della sentenza.

I Consigli di Città

In tempi passati, la Repubblica di San Marino era divisa in dieci “Gualdarie”. Questa aveva scopi pratici: la protezione dell'ambiente naturale, delle proprietà rurali e il mantenimento dell'ordine pubblico.

Nel 1463 San Marino fu ampliata annettendo vari comuni, chiamati Communes o Castelli, tra cui Serravalle, Montegiardino e Faetano, tutti dotati di autonomia amministrativa. Ognuno dei tre Comuni era diretto da un capitano nominato dalla Reggenza.

Oggi, grazie a una legge del 1925, il Paese è diviso in nove aree. Ogni area prende il nome dalla sua città o dal suo Comune più grande: Città, Borgo, Serravalle, Acquaviva, Chiesanuova, Domagnano, Faetano, Fiorentino, Montegiardino.

Ogni Comune ha un Comune, con compiti strettamente locali legati al controllo e alla gestione dei servizi, alla promozione e al coordinamento delle attività culturali, ricreative o sociali, alla manutenzione, alla progettazione e alla realizzazione di opere pubbliche, parchi, ecc.

I Consigli sono presieduti da un Capitano di Comune e sono composti da un numero variabile di consiglieri, a seconda delle dimensioni del Comune (9 per i Comuni con oltre 2000 abitanti, 7 per i Comuni più piccoli). Questi vengono normalmente eletti ogni cinque anni con il voto diretto degli elettori residenti nei singoli Comuni, oppure ogni volta che i consigli vengono sciolti o scadono.

L'Arengo

Sebbene si sappia poco della storia iniziale della comunità sammarinese, è probabile che le decisioni più importanti siano state prese durante le riunioni alle quali hanno partecipato i membri di tutte le famiglie, il che significa che i poteri politici non erano delegati a nessuno e che era operativo un sistema di democrazia diretta.

A questo incontro, storicamente noto come “Arengo”, parteciparono tutti i capifamiglia del Paese e, fino al XVI secolo, fu il corpo portatore di potere della minuscola comunità sammarinese.

Sappiamo che l'autogoverno fu affidato all' l'Arengo nell'anno Mille e che l'organismo deteneva tutti i poteri legislativi, esecutivi e giudiziari precedentemente esercitati dal vescovo feudale.

Mentre la popolazione rimaneva piccola, l' l'Arengo era operativo e deliberativo; quando la popolazione iniziò a crescere, tuttavia, si sentì la necessità di creare altri organi politici più piccoli e più facili da convogliare, che potessero raggiungere decisioni più rapide.

La crescita della comunità richiedeva l'istituzione di un grande organo decisionale: fu così che nel XIII secolo si crearono le assemblee politiche (il Concilio dei LX e il Consiglio dei XII). Nel 1243, fu introdotto il ruolo dei Capitani Reggenti (Capi di Stato). Eletto dall' l'Arengo, essi esercitavano poteri esecutivi e giudiziari. Le prime leggi risalgono al 1263.

Consiglio Grande e Generale fu istituito nel XV secolo. Era composto da 60 membri dell'Arengo, ai quali furono assegnate alcune prerogative dell'assemblea. I nuovi organi istituzionali si impadronirono gradualmente della maggior parte dei privilegi dell'Arengo. Quest'ultimo, anche se mai ufficialmente abolito, ma ormai impotente, non fu più convocato dopo il 1571.

Consiglio dei XII e il Concilio dei LX assunsero gradualmente i poteri dell' l'Arengo, ma senza mai abolirlo ufficialmente. L'8 ottobre 1600 fu promulgata la prima costituzione scritta, la Leges Statutae Republicae Sancti Marini, che continua a rimanere in fondo alle fonti del diritto sammarinese.

In seguito, le istituzioni hanno subito un processo di deterioramento. Il Consiglio Grande e Generale, non più sotto alcun controllo, divenne lo strumento per la tutela degli interessi di un numero sempre minore di famiglie patrizie. Il Consiglio, infatti, cessò di essere eletto dall'Arengo, ma fu rinnovato per cooptazione.

Da quel momento l' l'Arengo, come riunione dei capi famiglia, non fu più convocato fino al 25 marzo 1906, data in cui avvenne un grande cambiamento grazie a una rivoluzione pacifica che ristabilì la rieleggibilità dei membri del Consiglio Grande e Generale.

Il 25 marzo, l' l'Arengo fu convocato per decidere se il potere dovesse rimanere nelle mani del Consiglio controllato dall'oligarchia e se la composizione del Consiglio dovesse essere proporzionata tra gli abitanti della campagna e quelli della città. All'Arengo partecipano 805 capi famiglia su un totale di 1054.

Dopo l' l'Arengo del 5 maggio 1906, fu approvata una legge elettorale che prevedeva il rinnovo di un terzo del Consiglio ogni tre anni. Ciò pose fine al suo controllo da parte dell'oligarchia che, all'inizio del secolo, fu privata di quasi tutti i suoi poteri.

l'Arengo ha assunto un ruolo diverso rispetto a quello che aveva avuto in origine. Divenne infatti un momento di partecipazione comunitaria che si svolgeva due volte l'anno, in aprile e ottobre, in concomitanza con l'elezione dei nuovi Capitani Reggenti.

Attraverso i nuovi Reggenti, ogni capofamiglia poteva inviare petizioni e richieste di pubblico interesse al Consiglio Grande e Generale. Esso, quindi, perse tutte le sue funzioni deliberative e ogni controllo sulle altre assemblee politiche e questo aprì la strada all'oligarchia del Consiglio della LX fino al 1906, quando fu ripreso con funzioni referendarie e, come già detto, aprì la strada a un nuovo periodo politico per la Repubblica.

In questa veste l'Arengo esiste ancora oggi; due volte all'anno i cittadini sammarinesi possono inviare al Consiglio, sempre attraverso i nuovi Reggenti, le cosiddette istanze dell'Arengo, petizioni di pubblico interesse attraverso le quali chiunque può sottoporre al Parlamento sammarinese problemi non personali di interesse per la comunità nel suo complesso. Entro un mese i Reggenti devono decidere se tali richieste sono accettabili. Se lo sono, devono essere discusse dal Consiglio entro sei mesi dalla loro presentazione.

La popolazione sammarinese fa largo uso di questo istituto attraverso il quale il Consiglio Grande e Generale è sollecitato ad affrontare i problemi che riguardano da vicino l'opinione pubblica.

it_IT